Polpette di quinoa e prosciutto

Polpette di quinoa di Fancy Factory

Le Polpette di quinoa e prosciutto sono facilissime e velocissime da preparare, ottime sia come secondo piatto che come atipasto!

Le Polpette di quinoa e prosciutto sono un’ottima soluzione per utilizzare quel pacco di quinoa dimenticato in fondo alla dispensa. Perfette per grandi e piccini, le polpette di quinoa e prosciutto possono essere servite come antipasto ma anche come secondo piatto (in questo caso abbondate con la dose) magari accompagnate da salse come maionese, senape o salsa bbq.

Io personalmente preferisco prepararle per un aperitivo sfizioso da servire agli amici insieme ad uno spritz o ad una birra ghiacciata! Il segreto per realizzare delle ottime polpette di quinoa e prosciutto è di amalgamare bene tutti gli ingredienti affinché siano uniformemente distribuiti nella stessa quantità su tutte le polpette.

Per una cottura più salutare, ho deciso di cuocerle in forno (ma nulla ci vieta di friggerle in abbondante olio di arachidi ben caldo). Se decidete di procedere con quest’ultima opzione ricordatevi di tenere in considerazione il fatto che l’olio di arachidi va portato ad una temperatura di almeno 160-170°C. Lasciate quindi durare bene tutta la superficie delle polpette per qualche minuto e, una volta pronte, con l’aiuto di una schiumarola mettiamole a scolare su un vassoio con della carta assorbente.

Se invece, preferite una cottura più sana e leggera procedete con la cottura in forno a 180°C per 20-25 minuti o finchè non saranno ben dorate in superficie.

Guarda altre sfiziose ricette per l’aperitivo:
Polpette di ricotta e prosciutto crudo (ottimi serviti con panna acida)
Polpette di melanzane (ottime per chi cerca una ricetta ricca e saporita)
Polpette di ceci e prosciutto (ottime per l’aperitivo)

Polpette di quinoa Fancy Factory di Alessandro Zaccaro

La pianta della quinoa è di natura erbacea (per cui priva di glutine) originaria del Sud America, tuttora in Bolivia e in Perù la sua coltivazione avviene secondo metodi tradizionali tramandati di generazione in generazione.

Polpette di quinoa Fancy Factory di Alessandro Zaccaro

Polpette di quinoa e prosciutto

Stampa Pin
Preparazione: 15 min
Cottura: 25 min
Tempo totale: 40 min
Porzioni: 12 polpette

INGREDIENTI

  • 400 g di quinoa cotta
  • 1 cipolla bianca piccola
  • 1 cucchiaino di prezzemolo
  • ½ cucchiaino di paprica dolce in polvere
  • ½ cucchiaino di cumino in polvere
  • ½ cucchiaino aglio in polvere
  • ½ cucchiaino di coriandolo in polvere
  • ½ curcuma in polvere
  • ½ zenzero in polvere
  • 1 cucchiaino di sale
  • 2 uova
  • 100 g di parmigiano
  • Olio evo q.b.
  • Pangrattato q.b.
  • 100 g di Prosciutto di San Daniele q.b.

PROCEDIMENTO

  • Per preparare le polpette di quinoa e San Daniele dobbiamo per prima cosa cuocere la quinoa. In una pentola scaldiamo due cucchiai di olio evo e versiamo la quinoa. Facciamo tostare 3-4 minuti girando spesso. Successivamente irroriamo con acqua e facciamo cuocere per 20 minuti.
    Lasciamo raffreddare la quinoa.
    In una ciotola poniamo la quinoa cotta, la cipolla tritata e il sale.
  • Aggiungiamo le spezie e il prosciutto di san Daniele sminuzzato. Amalgamiamo bene con un cucchiaio.
    Aggiungere le spezie
  • Versiamo il parmigiano grattugiato e l’uovo e continuiamo ad amalgamare fino ad ottenere un composto omogeneo.
    Versiamo il parmigiano
  • Formiamo le polpette facendole roteare tra i palmi delle mani e tuffiamole nel pangrattato. Poniamo su una teglia, aggiungiamo dell’olio evo e inforniamo a 180°C per almeno 25 minuti minuti.
    Sforniamo e lasciamo intiepidire le polpette di quinoa e San Daniele.
    Formiamo le polpette di quinoa

CONSERVAZIONE

Le polpette di quinoa e prosciutto possono essere conservate in frigo per 3-4 giorni.

Consigli per gli acquisti: Prosciutto di San Daniele

Polpette di quinoa Fancy Factory di Alessandro Zaccaro

Comments

comments

Leggi di più Alessandro Zaccaro

Clafoutis ai frutti di bosco, su stecco

Cosa succede se un clafoutis si sentisse più stecco che torta? Grazie...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *